Vita da dj: Mauro Picotto

Eccola, finalmente, l’autobiografia di dj Picotto “VITA DA DJ-from heart to techno- ”

Cosa c’entra la sottoscritta con il mitico deejay?

Semplice… l’ho inserito come personaggio nel mio romanzo “Voglio scrivere per Vanity Fair” (era il dj della festa di matrimonio di Emma Travet con Marco) e, prima ancora, l’avevo intervistato per Lookout Magazine.

Ecco il pezzo che ho scritto per raccontare l’accaduto (e il suo inaspettato epilogo, dieci anni dopo)

Last night a dj show me his life.

Avevo intervistato dj Picotto, anni fa, per Lookout magazine a Cavour, quaranta minuti da Torino, nella sua casa bianca, che ricorda quelle di Edward Hopper.

In chiusura, avevamo parlato della biografia di Valentino Rossi e scherzando, gli avevo detto: “Se avessi bisogno di una giornalista, tra qualche anno, io ci sono”.

E lui mi ha preso in parola. Quando mi ha chiamata per raccontare il suo progetto, sono stata piacevolmente sorpresa che avesse scelto me e parecchio incuriosita.

La mattina dopo trovo un’ email con gli appunti presi sull’iPhone, nei lunghi viaggi in giro per il mondo. Ho iniziato a leggere e sono rimasta rapita dalla storia di un ragazzo che ha messo in campo tutte le sue energie e la sua creatività per realizzare un grande sogno: diventare un dj, ma non un dj qualsiasi, il dj più bravo d’Italia, lo sperimentatore, quello chiamato a Ibiza, Dubai, Tokyo, in Messico a suonare per la sua bravura e per quel sound che solo lui può osare.

Alla fine io ho solamente curato un po’ l’editing , perché Mauro scrive bene, (guarda caso è una lettore accanito), si fa leggere, ha voglia di mettersi in gioco, nonostante i successi sul palco e on line. Ha trentottomilasettecento follower su Twitter, un’interazione fortissima con i fan su Facebook, gira il mondo da vent’anni, ha suonato nei club più esclusivi, eppure non si atteggia a personaggio, è mosso da vera passione che contagia le masse e le persone che fanno un pezzo di strada con lui.

Dicono che dietro un grande uomo ci sia una grande donna.

Penso che dietro a Mauro Picotto ci sia tanto cuore e musica e lo scoprirete anche voi leggendo queste pagine.

ph andrea ferrero

E’ incredibile come la sua storia sia partita da Cavour, piccolo paese famoso per le mele. Tutto questo -and much more- lo trovate nel libro Vita da dj-from heart to techno- (edito da Arcana), che contiene anche il suo ultimo cd. A breve su Amazon!

Last BUT non least… 

la grafica e l’impaginazione sono state curate… indovinate da chi? Da Andrea Ferrero della Lookout, amico di grandi avventure ai tempi di LOOKOUT MAGAZINE (il mensile cartaceo di cui sono stata direttore responsabile e capo redattrice dal 2009 al 2012).

 

Su di me

Erica Vagliengo

Giornalista/web writer, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest