Time table: a tavola nei secoli

Dal 24 giugno al 18 ottobre 2015
Una mostra nella Sala Senato di Palazzo Madama sul tema della tavola imbandita attraverso i secoli,
un viaggio nel tempo alla scoperta della convivialità, dei riti sociali e dei piccoli grandi momenti della
vita quotidiana.

“Un buon pranzo giova molto alla conversazione.
Non si può pensare bene, né amare bene,
se non si è pranzato bene.”
Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé

Nutrire il pianeta: il titolo dell’Expo di Milano è stato lo spunto per la mostra ideata da Palazzo Madama.
Il cibo ma anche quel che ruota intorno al cibo: essere seduti intorno a un tavolo significa in primo luogo
famiglia, stare insieme e condividere. Stando seduti a tavola si prendono decisioni importanti, si concludonoaffari e si determinano destini, nascono o muoiono amori.
Dalla tavola di Re Artù a oggi, la mostra Time Table evoca, a partire dal gioco di parole del titolo, il tempo e lo spazio della condivisione che nelle società occidentali è rappresentato dalla tavola imbandita.
Il percorso, ricco di spunti spettacolari, è articolato in sei tavoli principali, disposti radialmente intorno a un fulcro centrale come le lancette di un grande orologio che scandisce il tempo della storia e della memoria. Su ogni tavolo si dispongono gli oggetti ideati e creati in ogni tempo da artisti e artigiani per accompagnare i riti della convivialità: dalle umili ciotole graffite del Quattrocento, alle sofisticate allegorie dipinte della maiolica rinascimentale, fino al trionfo della porcellana e al colorato design della tavola borghese del Novecento.
Piatti, tazze, zuppiere, fiasche, bottiglie, bicchieri, ma anche gallerie di manufatti meno noti, come i rinfrescatoi e il vasellame “a sorpresa”, o quelli destinati alla “sacra mensa”, dove si celebra il rito della rigenerazione dell’anima.
Accanto alle stoviglie, sui “tavolini di servizio” altre opere evocano aspetti della vita quotidiana di ogni tempo, momenti particolari e diversi da quelli legati al cibo: strumenti musicali, giochi di società, abiti, elementi di arredo e, sempre presente, un orologio che scandisce il flusso del tempo.
180 opere che appartengono in gran parte alle collezioni permanenti di arte decorativa di Palazzo Madama, proposte sul filo di un nuovo racconto che porta nel museo il sapore della vita vissuta in casa, intorno al fulcro simbolico della sua socialità: la tavola.
L’allestimento, ricco di spunti spettacolari, è stato progettato da Roberto Piana con Studio2fashion. I tavoli scelti per  l’esposizione sono gli Air Table di LAGO, innovativa azienda di arredamento che ha ripensato il concetto di tavolo invertendo l’ordine dei fattori: estrema leggerezza delle strutture portanti in cristallo trasparente e piena fisicità del piano. Un contrasto espressivo che regala la percezione di un’orizzontalità fluttuante. Completano l’esperienza le suggestioni sul decoro ceramico e sulla cioccolata nate dalla collaborazione e dal sostegno di Ristorante Del Cambio e Gobino.
Un ricco programma di eventi e attività per il pubblico accompagnerà la mostra fino ad ottobre, grazie al
sostegno di Gambero Rosso, Associazione Donne del Vino, Gnammo, TwLetteratura, Prochet 1861 e
Tucano Viaggi.

>>>>>>>>>>>>>>>
TIME TABLE. A TAVOLA NEI SECOLI
Palazzo Madama
24 giugno – 18 ottobre 2015
Orario: lunedì 10-18; giovedì-sabato 10-18; domenica 10-19
martedì chiuso. La biglietteria chiude un’ora prima
>>>>>>>>>>>>>>>
Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica
Piazza Castello, Torino
Fondato nel 1860, il museo è oggi ospitato in uno dei più antichi e affascinanti palazzi della città, con testimonianze architettoniche e di storia dall’età romana al Barocco di Filippo Juvarra. Le raccolte contano oltre 60.000 opere di pittura, scultura e arti decorative dal periodo bizantino all’Ottocento.
 www.palazzomadamatorino.it

ph Sabina Arena -thanx Tania Gentilini e Daniela Matteu

LA MOSTRA SUI SOCIAL MEDIA

La mostra Time Table evoca, a partire dal gioco di parole del titolo, il tempo e lo spazio della
condivisione che nelle società occidentali è rappresentato dalla tavola imbandita. Anche sui social media, odierni spazi per la condivisione e l’incontro, la mostra sarà raccontata e condivisa con gli utenti:

su Twitter: Oltre alle consuete attività di racconto della mostra, uno speciale evento in collaborazione
con TWLetteratura http://bit.ly/atavolaneisecoli . Sei giorni per leggere e commentare su Twitter
altrettante scene letterarie: ogni giorno un viaggio nel tempo porterà i lettori in un secolo e ad una tavola
diversa, lungo il percorso temporale della mostra http://twitter.com/palazzomadamato hashtag #aTavolaneiSecoli
su Periscope: Un palinsesto di dirette video con i curatori della mostra e un invito al pubblico a
partecipare con commenti e domande
https://www.periscope.tv @palazzomadamato
su Pinterest: Gallerie dedicate alla mostra e all’arte di apparecchiare la tavola
http://pinterest.com/palazzomadama/
su Facebook: Letteratura, cinema, musica: sulla pagina Facebook saranno i grandi classici a raccontare
la convivialità e l’arte della tavola http://www.facebook.com/pages/Torino-Italy/Palazzo-Madama-Torino/
su Spotify: una compilation realizzata in collaborazione con gli utenti della piattaforma, dedicata alla
gioia di stare in tavola, da Rita Pavone a …Prince! http://open.spotify.com/user/palazzomadamato
su Instagram: Un challenge fotografico per raccontare l’Italia a Tavola: #atavolainitalia
https://instagram.com/palazzomadama/
Su Google: Un percorso di approfondimento sulla App di Palazzo Madama, in collaborazione con
Google Cultural Institute g.co/palazzomadamaapp

Su di me

Erica Vagliengo

Scrittrice/giornalista/copywriter, INCASINATA SI' MA CON STILE, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest