Sono sempre stata una gran rompiscatole…

A 13 anni scrivevo a Mietta per la cartolina con dedica, a 20 a Corrado Augias (nonostante la mia amica mi dicesse: Guarda che mica risponde lui ma la sua segretaria), a 21 ho visto Travaglio in un bar di Torino e gli ho fatto i complimenti per i suoi pezzi su La Stampa (peccato scrivesse per La Repubblica), a 22 ho intervistato Raoul Bova chiedendogli: Boxer o slip? (e altre amenità simili)… penso mi abbia portato ispirazione Lina Sotis, incontrata anni fa all’Unione Industriale nella capitale sabauda (per la precisione l’11 novembre 2001). La sua dedica? Erica, non ti fermare… VAI!

Tranquilla, Lina, io non mi fermo davanti a niente o nessuno (nemmeno alle figure de merde).

2013 11 lina sotis

ph just me

[sociallinkz]

Su di me

Erica Vagliengo

Scrittrice/giornalista/copywriter, INCASINATA SI' MA CON STILE, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest