Il mio manifesto

L’estate passata ho seguito il corso di personal branding on line di Gioia Gottini, la geniale creatrice della Rete al Femminile (conosci? Se sì, bene. Se no, leggi qui) .

E’ stato molto bello, ho potuto interagire con lei e le altre ragazze del gruppo su FB “Beyoncé”, ogni giorno per un mese, seguendo le sue istruzioni, tenendo come testo “Tutto fa branding”, guida pratica al personal branding. Tra le tante cose alle quali non avevo ancora pensato è arrivata una notte calda di agosto, il MANIFESTO.

Forse adesso va pure di moda inserire il proprio MANIFESTO sul sito, ma, al di là di questo aspetto, redigerlo è servito per chiarire alcune idee che, messe nero su bianco, mi stanno aiutando a disperdermi meno del solito e a perseguire con determinazione e fermezza gli obiettivi del 2016:

  1. finire il secondo romanzo
  2. rilanciare Emma Travet nei prossimi sei mesi, grazie ad una content strategy cucita precisa precisa su di me e su di lei
  3. crearmi un nuovo pubblico di affezionate lettrici, amanti dei social e dell’e commerce
  4. lavorare come copy/web writer

Bene, volete leggerlo? Lo trovi sul mio sito e di seguito.

manifesto-erica-vagliengo

Su di me

Erica Vagliengo

Giornalista/web writer, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest