Granieri: “Impariamo a vivere l’accelerazione” @plurale.net

Due settimane fa mi è capitato di leggere questa intervista di Edoardo Poeta su plurale.net a Giuseppe Granieri ed ho pensato che avrei dovuto riportarla qui, perché è illuminante e mi ci ritrovo assai.

Saper leggere i segnali deboli

Sei un praticante del “predictive thinking”. Chi del domani ha fatto una professione – come David Pescovitz, direttore di ricerca all’Institute for the Future – è arrivato ad affermare che parlare del futuro «ha a che fare più con la provocazione che con la predizione». Provocare non significa solo “sfida”, o invito a riflettere, ma è pure “causare” dei cambiamenti. Riflettere sul futuro è dunque anche indirizzarne o, quanto meno, condizionarne lo sviluppo? Oppure è solo cercare di scorgerlo?

«Io non credo sia una questione di predizione, né di provocazione. I fatti sono semplici. Il presente oggi è molto veloce e se vuoi lavorare – o continuare a lavorare – devi tenere conto del fatto che le decisioni che prende oggi una qualsiasi organizzazione (dall’industria culturale alla manifattura) hanno bisogno di tempo per essere applicate. E in questo tempo lo scenario può essere cambiato.
Il “pensiero predittivo”, come lo intendo io, è semplicemente tener conto di questa realtà. E non ha nulla di mistico o di visionario. È semplice prassi: imparare a leggere i segnali deboli, abituarsi a capire che gli scenari semplici, sui problemi complessi, sono sempre sbagliati. Eccetera.
Mestiere, insomma. Non genio o fantasia. Solo mestiere».

PROSEGUI A LEGGERE QUI

[sociallinkz]

Su di me

Erica Vagliengo

Scrittrice/giornalista/copywriter, INCASINATA SI' MA CON STILE, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest