E tu, quale Carosa sei?

Le Carose erano (in salentino), le ragazze che la domenica mattina si facevano belle e si ingioiellavano per andare a messa, per incontrare il loro fidanzato o farsi corteggiare da qualche spasimante.
Oggi sono diventate piccole mademoiselles-bijoux da portare al collo o ai lobi delle orecchie, con gonnelle in tessuto o in metallo traforato. Diversa l’una dall’altra sono realizzate da Toco d’Encanto, in alluminio, ottone e argento. Rigorosamente MADE IN ITALY (a Nardò, in provincia di Lecce), sono esposte in casette che rappresentano il barocco leccese.

 

ph erica vagliengo

Vi siete già innamorate di una di loro e vorreste, assolutamente, ospitarla nel vostro cassetto degli accessori must have? E allora io vi dico dove trovarle: presso la Gioielleria Lacroce Pinerolo (in provincia di Torino), on line su www.facebook.com/lecarose.tocodencanto, a Tokyo e presto le vedremo anche in tv.

Curiosità: le sorelle Alessandra e Tiziana Lacroce sono state le prime, in Piemonte, ad averle. Le ha scoperte Tiziana, durante un viaggio in Salento,  prima ancora che diventassero un vero e proprio fenomeno (tant’è che poi alla Fiera di Vicenza di settembre dello scorso anno, c’era la coda allo stand). Loro due ci hanno creduto da subito e le hanno volute proporre al pubblico e ai clienti in tutta la variegata gamma come anteprima del 2015 (vedi le Carose con le Converse All Star e gli stivaletti dipinti a mano e gli orologi).

 

 

Su di me

Erica Vagliengo

Scrittrice/giornalista/copywriter, INCASINATA SI' MA CON STILE, autrice del romanzo Voglio scrivere per Vanity Fair (come Emma Travet) e del progetto emmat, innovativo esempio di personal branding. Parlo tanto, dormo poco, scrivo ovunque. Combatto le nevrosi quotidiane con ironia, Internet, caffè e chantilly. Ho un negozietto su Depop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Erica Vagliengo · Copywriter e giornalista, Torino · CF VGLRCE77A44G674R · Scrivimi

Webdesign & SEO: La scribacchina e Simone Montanari. Le fotografie di Erica sono di Angela GrossiPrivacy policy

Pin It on Pinterest